En marche (o in cammino?)

uyljuokoEn marche o in cammino. A passo di gambero: in avanti per tornare indietro? En marche o in cammino. Per scansare il passo dell’oca e il conseguente ripasso di ricorrente catastrofe?
Destra e sinistra non sarebbero più categorie del presente. Forse (forse forse) è così. Di sicuro restano ben evidenti il sopra e il sotto. L’alto e il basso.
Di sicuro, da sempre, chi sta sopra sputa, piscia, vomita, ecc. in testa a chi sta sotto.
Di sicuro una certa idea di sinistra ha sempre cercato di raccogliere i giustificati malumori di chi sta sotto a beccarsi i materiali espulsi di chi sta sopra, trasformandoli in comune ri-sentimento (verso quelli di sopra, di cui sopra) e afflato solidale.
Di sicuro una certa idea di destra ha sempre cercato di raccogliere i giustificati malumori di… tutti, sopra e sotto, trasformandoli in contrapposti ri-sentimenti per quelli che stanno comunque sotto. A scalare. E se di afflato solidale ha mai trattato, ha sempre cercato di circoscriverlo, limitarlo, ghettizzarlo. Cercando ed individuando un comunque nemico tra quelli comunque sotto: razza, classe, tribù, clan, nazionalità, campanile.
Da una parte l’insieme confuso e indefinito e pur solidale (ora si dice buonista): intanto si aprano gli ombrelli per ripararsi dalla mefitica pioggia che dall’alto vien giù e si rifletta sul da farsi, non distinguendo tanto da chi sta appena sotto o sotto sotto o sotto sotto sotto…
Dall’altra una qualsivoglia identitaria appartenenza: ognuno che sta sotto si curi di ributtare più sotto la merda che arriva dall’alto. E quello appena più sotto si curerà di rimandarla più giù…
Destra e /o sinistra -forse- marciano (o camminano) ancora.

 

 

 

 

Annunci

L’invidia e la ministra: solita minestra

Catturafffkk23Da Corriere della Sera.it

@meb (Maria Elena Boschi) «Fare il ministro a 34 anni forse attira invidia, ma invidia e maldicenze non mi fanno paura»

Invidia. Ci mancava l’invidia. Nove volte su dieci, quando si scomoda la presunta invidia di cui si sarebbe vittime, è già partito il delirio, la paranoia, il chimicredodiessere, il modestiaaparte, l’estremo limite della superbia… Insomma… L’invidia come categoria politica l’abbiamo sentita scomodare la prima volta da Berlusconi. Non che, essendo la politica compresa di umana piccolitudine, l’invidia non sia contemplata. Ci sta. Difficile però classificare il desiderare avere il denaro di un ricco come invidia ma, in soldoni,  chi ha mai (a parte qualche povero demente) desiderato “essere” Berlusconi? Resta il fatto che per un potente sia abbastanza indecente, oltre che furbo, ricorrere alla presunta invidia per non essere attaccato in quanto potente. Se si ricorda la “invidia sociale” teorizzata da Berlusconi, che altro era se non un artificio dialettico per svilire la secolare istanza di uguaglianza di quelli che stanno peggio? Ridurla a umano sentimento di invidia equivale a irriderla e a rendere patetica e del tutto priva di dignità politica quella istanza. Si direbbe che questo meschinamente astuto pensiero sia stato del tutto assimilato dal meanstream del pensiero corrente. I grandi cambiamenti da sempre si ottengono (nel bene e nel male) cambiando il lessico corrente. Mutando la cultura di fondo. In questo Renzi è una perfetta continuazione di B. È l’evoluzione (in senso darwiniano ) del Potere. Che lo si apprezzi o meno, questo, obiettivamente è: la continuazione di B. nell’imposizione di un lessico a misura del potere che gestisce. Un esempio? Se chiami un decreto “La Buona Scuola ” chi vi oppone è per la cattiva scuola?

Poi, se nei confronti della Madonna dei Boschi ci stia un’antipatia, una distanza antropologica dal modello fighetto arrogante, impunito, leggermente delirante, inebriato di potere, tipico del renzismo, la signora e tutti i signorini, democristianucci evoluti anzichenò, par suo, dal Matteuccio suo in giù, se ne dovranno pur fare una ragione.

Veh.

L’Urletto. Verso un mondo perfetto

l'urlettoRipetuto fino all’ossessione non esistere nessuna VERITÀ essendo, più coinvolti che immersi, in una strana (quasi nulla condivisa) convenzione che chiamiamo REALTÀ, e che dunque parlare di falso e di autentico implica una qualche contraddizione… Tuttavia in quelle infinitesima condivisa bolla, ci sta una quantistica porzione d’assoluto, espresso almeno in calcolo di probabilità… Insomma, premesso quel che si doveva (relativismo assoluto, mica finferi) il falso e l’inautentico esistono eccome. Stanno o non stanno tra le pieghe del comune agire, tra gli imbarazzi (veri se riferiti a una coscienza e non ad una pur fascinosa piuma trasportata del vento) di una parvenza di coerenza di pensiero, stanno o non stanno in una “costruzione” del dolore che non si ferma ad una ferina sensazione, stanno o non stanno in un senso (o comunque una sua ricerca) che ogni “sguardo consapevole” comporta. Stanno o non stanno nella vita bella e maledetta di ogni disgraziato essere che su essa non può non riflettere….
Cose così, insomma. Giusto per esprimere quel po’ di irritazione e d’irrisione verso un mondo perfetto: quello che parimenti inneggia all’amore e all’odio con la tranquillità propria degli sterminatori e degli idioti. Giusto per riaffermare che, puoi sottrartene finché vuoi alla macchina infernale che tutto e tutti livella alle sue necessarie funzionalità. Giusto per dire, che, riconosciuta la grande immensa straordinarietà dei tempi che viviamo ci sta sempre un fessbùk (per dirne d’uno) a riportarci nell’alveo del NOSTRO consueto cretinismo, nella quotidiana BANALITÀ del male, alla nostra umanissima piccolitudine.
Per dire che in questa ordinaria infamia il grido si fa gridolino… l’urlo si fa urletto…
Fino… fino a qui… appunto

400 miliardi? Sì, 400 miliardi.

289Il Pres. del Cons. (il francesismo è compreso) a “Bersaglio Mobile” ci informa che dall’inizio della crisi gli italiani hanno aumentato di 400 miliardi i loro risparmi. 400 miliardi sottratti al circuito dei consumi e della domanda interna. Con conseguente attorcigliamento della crisi. Servirebbe, dice, un diverso atteggiamento volto alla fiducia e all’ottimismo. Forse. Anche. Anche. Ma non dovrebbe anche rivolgere un piccolo pensiero su come siano mal distribuite risorse, ricchezza, e redditi? E che il flusso del denaro circolare nel “verso sbagliato”? Verso chi, cioè, può permettersi il lusso di non spendere, anzi, di più, di risparmiare. Che è poi la storia tragica del nostro tempo e del nostro idiota sistema di capitalismo avanzato (avariato e marcio). Che è poi l’ennesima prova di come una seria redistribuzione di risorse, ricchezza, redditi, lavoro e tempi di lavoro sarebbe funzionale, non solo a una società più giusta, ma soprattutto a una società più equilibrata e meno conflittuale. Dove la parola “Progresso” ripiglierebbe il suo senso primigenio. Il “verso giusto”, “la volta buona” “adesso”. Quelle cose lì. Caro Pres. del Cons. ( francesismo compreso).

Oggi. E domani?

Da l’Unità.it Dieci, cento, mille Cossiga » di Leonardo Tondelli

Perché, al di là delle belle avventure e delle corse affannate a cercare un po’ di adrenalinica giovinezza, tra provocazione e fuga, tra rito d’iniziazione (più tribale che no) e genesi di una coscienza politica, tra adolescenziale superbia inscritta in natura e prassi automatica di culto barbarico, tra il genuino tuffo di irruente bellezza e selvaggia, e le furbe e insidiose spirali di un comunque POTERE… Insinuante, lusinghiero, attraente. Neutro POTERE che si dondola piano tra malizia e malignità. Che poi si fa disilluso e spietato POTERE. Nelle sue forme più varie. Passiva ed attiva, già ben comprese. Soggetto od oggetto. Maliziosamente instillato e/o malamente subito. E ruoli confusi. Credendosi AGIRE ed essere, subdolamente, null’altro che AGÌTI. Credendo al rifiuto di un accomodato servaggio e farsene invece e vittime e complici. Fini strumenti nei secoli catalogati. Sempiterni dispositivi di vita banale che vita si fa. Addestramenti. Ammaestramenti. Piccole temporali contratture tra un presente eloquente di speranze e furori e un feroce futuro. In mezzo sta il muro. Di qui un POTERE che vuole e che forse (un forse giammai forsennato se non nella sua mirabile incerta – ma più che certa, di giovanile certezza –  volontà) potrà. Di là un POTERE che deve.

E tu, ragazzo di ora, adulto dove sarai?

68? Vada per 68

Da Il Giornale.it- Riforma Pensioni, Fornero apre ai sindacati -L’Inps avvisa: “Via dal lavoro troppo presto”

Dove il « troppo presto » sta a sottintendere si possa arrivare presto e ragionevolmente (?), alla media dell’andata a riposo, sostanzialmente per TUTTI, sui 67/68 anni.

Pietro Ichino ed Elsa Fornero hanno rispettivamente 62 anni 63. Giovanissimi, dunque. Anche per, oltre quello che fanno attualmente, espletare ovviamente  altri più o meno gravosi incarichi. E, come si vedrà, con una certa qual solerzia e celerità ed energia e prontezza… Insomma, loro o chi per loro 😉

Ora: ci si augura ferventemente che a tutti (ma proprio tutti) quelli che in queste ore premono per fare andare la gente  in pensione a 67/68 anni, appunto, venga un coccolone di varia gravità (compresa una micidiale mossa di corpo, tiè) mentre camminano per le vie di una città. Che vengano soccorsi da una coppia di passanti di 67/68  anni. Che chiamata l’ambulanza risponda al centralino un 67/68 enne. Che la stessa Ambulanza sia guidata da un 67/68 enne. Che l’infermiere e il portantino siano due 67/68 enni. Che intervenga un rianimatore (massaggio cardiaco e respirazione bocca a bocca) di 67/68  anni. Che poi siano accuditi, curati e smerdati da infermieri/e e/o ausiliari/e rigorosamente 67/68 enni.

Ora: ci si augura che nel malaugurato caso bruci loro la casa intervenga all’uopo un’allegra combriccola di 67/68enni in forma di squadra di aitanti vigili del fuoco.

Ora: altrettanto ci si augura che nel caso di un malaugurato scippo (et/aut similia)  a prontamente intervenire ad inseguire il delinquente provvedano agenti di polizia… 67/68enni, ovviamente.

E così via…

Così… per un minimo senso di giustizia. E anche per farsi quattro (in)sane risate alla faccia loro.

Ichino e Fornero, compresi, va da sé.