Le conseguenze dell’amore (per le armi)

la polpa è la colpa

 

Da La Repubblica.it- Usa, strage di bambini a scuola: 27 morti. Obama: “Ci siamo passati troppe volte“- Magari non è solo (solo) questione di diffusione delle armi, come, molto frettolosamente negano le letture che si ritengono ”complesse” (inclini altresì ad un conformistico cinismo, lato main stream impregnato di ordinario cattivismo…) tenderebbero a darci a intendere, ma sicuramente l’estrema facilità nel potersele procurare contribuisce non poco a quella ”diffusa cultura” intrisa di miti della più profonda (e banalmente vera, nel bene e nel male, nell’amore sdolcinato come nell’odio più spietato, nelle vette e negli abissi) umanità, tra follia e violenza, tra spirito pionieristico e concezione barbara e tribale della vita che è da sempre parte fondante del senso degli americani per la vita.

Se siamo, come pur siamo, animali che traggono la loro realtà eminentemente dai simboli e dai simulacri che la decifrano come tale, la disposizione di un potenziale mezzo di morte, per banale forza di cose, induce il conseguente pensiero di poterlo (quando di non “doverlo”) utilizzare. Fino ad arrivare al, molto consueto, paradosso che proprio da esigenze securitarie portate ad ossessione quelli che sono o sarebbero strumenti di difesa dal male finiscano per divenire essi stessi i principali strumenti del male.

Così…

😦

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...